martedì 7 ottobre 2008

CURIOSITA' - "Ritenta, sarai più fortunato!"

L'immagine sopra riportata è del "Large Handron Collider" (LHC) , l'accelaratore di particelle del CERN di Ginevra. La nascita di questo acceleratore è da collegare al collaudo di quattro principali esperimenti: Atlas e Cms per dare la caccia al bosone di Higgs, (la particella che dovrebbe aver dato origine a tutte le altre), Lhcb per lo studio di materia ed antimateria e come ultimo Alice per analizzare lo stato della materia nei primi istanti dell'universo. Un acceleratore come questo, ad alta energia(ne esistono tanti altri a bassa energia per studi di "impronta minore"; quelli ad alta pochi paesi hanno la possibilità di possederlo date le spese di mantenimento), è progettato per studio della collisione di protoni; da tali collisioni è possibile sondare il comportamento di oggetti molto piccoli (si tratta di energia di centinaia di migliaia di volte maggiore di quella irradiata dalle reazioni che avvengono nel sole), ovvero di fasci di protoni o particelle subatomiche. Uno degli aspetti più affascinanti di tale studio(e per più affscinante non intendo sminuire tutti gli altri altrettanto seducenti!), è quello dell'utilizzo di tale apparecchio con l'obiettivo di far luce sull'ipotetica esistenza di una quarta dimensione oltre a quella temporale (per particelle di velocità paragonabile a quella della luce il concetto di tempo non ha lo stesso significato di quello che noi attribuiamo). Finalmente il 10 settembre 2008, il fascio di protoni ha percorso interamente l'anello di 27 chilometri che si estende sotto la città di Ginevra, senza però essere "accelerato" dai magneti superconduttori e quindi con una velocità inferiore a quella prevista per gli esperimenti, che sfiora quella della luce. Nonostante ancora "underconstruction" e in fase di perfezionamento, i fisici hanno riposto le maggiori aspettative in questo inizio carburato alla grande. Oggi invece, 6 ottobre 2008, un errore umano (o almeno così sembra), è stato la causa dell'interruzione di tale lavoro al quale lavorano quasi 3000 fisici. Un guasto ha provocato una fuga di elio; fuga che, a quanto pare dalle analisi ancora in corso, sarà la causa di una lunga pausa per questo ormai avviato progetto. Si considera che per "dare nuovamente una sistematina"al marchingegno, occorrano tempi lunghi e per poter riconsiderare il progetto APERTO occorre aspettare il 2009. Forse importa poco a chi di fisica ne mastica poca, forse troppo a quei fisici che puntano, attraverso questi esperimenti, ad esplorare i segreti della materia subito dopo il Big Bang che ha dato origine all'universo...a questo punto "Tutto è relativo" mi verrebbe da dire...E dopotutto, dopo 15 anni di progetti e solo una settimana di vita, questo errore umano è stato scoraggiante per l'intera comunità scientifica..Ma come si dice,sbagliando s'impara...e speriamo la prossima sia la volta buona...Ad maiora!

3 commenti:

Slevin ha detto...

Ciao Brisia!
Che io sapessi, questo incidente è datato già a qualche settimana fa. E in effetti avevano già accennato che causa questo incidente non si potrà avere l'acceleratorone attivo alla presentazione ufficiale dello stesso (quella che c'è già stata a quanto pare era una presentazione tecnica) che avverrà non so quando ma credo nelle prime settimane del prox anno)

Se non sbaglio il problema è relativo ad un qualche magnete in prossimità di una delle stazioni di rilevamento che invece di accellerare è andato in corto e...puff: s'è roott, causando la fuoriuscita di elio dall'impianto.

A quanto pare piccoli guasti sono relativamente soventi in queste tecnologie pionieristiche e avanzatissime, l'aggravante del Cern è che il ciambellone, al suo interno, era alla temperatura più bassa dell'universo al monento della messa in funzione, diciamo poco sopra lo zero assoluto a -273 gradi, ed ora per sistemarlo bisogna farlo "riscaldare" e soprattutto, per riportarlo "in temperatura" saranno necessarie diverse settimane, o perlomeno così dicono e perlomeno questo è il motivo per il quale questo guasto comporterà una pausa di riflessione di qualche mese!

Spero di essere stato costruttivo! Ciao, Slevin.

brisia ha detto...

ciao slevin!si hai ragionissimo(non è grammaticalmente corretto ma consentimene l'utilizzo)...il guasto era già da un pò che aveva fatto terminare i lavori(tant'è che alla fine del post ho scritto che il progetto si è concluso dopo una sola settimana di vita), ma fino a prima del 6 ottobre ancora non era stato accertato che fosse stato un errore umano la causa del guasto...il 6 ottobre è la data in cui è stato finalmente"dichiarato" la causa del male,ma dal modo in cui l'ho scritto ho fatto intendere tutt'altro...ti ringrazio per avermelo fatto notare!!!non sperarlo perchè il tuo commento è stato più che costruttivo....passa più spesso..complimenti per il blog...
brisia

Danx ha detto...

Ma il tutto per dire che DIO non esiste o che Dio è morto?AH AH AH

No dai, scherzo! E' che per umiliare i religiosi ed i credenti non serve spendere tutti i miliardi di euro che necessita il CERN!

Anzi, sperperando tutti questi danari gli si fa solo credere che non si hanno argomenti per batterli!!!!!!!

25 ottobre sbattezzo nazionale di massa!
WWW.UAAR.IT

DEVI ASSOLUTAMENTE VISITARE QUESTO BLOG: