martedì 12 febbraio 2008

8 stupide regole in 24Minuti


Ieri, mentre mi trovavo nella metropolitana, mi sono ritrovato tra le mani il quotidiano gratuito 24MINUTI, edito dalla redazione de IL SOLE 24 ORE. Leggendo, mi sono imbattuto nel solito articolo atto a ritrarre la cultura islamico-mediorientale come opposta a quella occidentale.Un contenitore di luoghi comuni sugli Arabi dal titolo "Le Regole per i soldati" che si promette di creare un vademecum per istruire gli operatori di pace ai rapporti con i popoli afgano e iracheno.
Da chi sia stata creato, ma soprattutto per quali soldati, di quali eserciti o legione, non ci è dato sapere.
Ma vediamole e commentiamole:

1 - Domande tabù. Meglio non chiedere a un afgano a quale gruppo etnico appartenga e - per nessun motivo - fare domande sulle donne della sua famiglia. Perchè un afgano qualsiasi dovrebbe arrabbiarsi se gli si chiede a quale gruppo etnico appartiene non si sa, ma soprattutto perchè ad un soldato dovrebbe interessare qualcosa a proposito delle donne della famiglia del suddetto, questo mi sfugge alquanto. Mi immagino di essere un contadino afgano, bombardato dai caccia americani, essere fermato da un soldato statunitense che mi chiede: "Ma come si chiama tua sorella?"

2 - Cortesia. Accettare sempre l'ospitalità quando viene offerta (e non rifiutarla quando viene richiesta). Questa mi sembra più una regola universale che una regola ristretta al medioriente.

3 - I gesti. Evitare i segni occidentali: il pollice all'insù e il gesto di ok in genere non vengono capiti. Ma daiiiiii....??!?!?!E io che pensavo che il segno di ok fosse tipico degli iracheni da generazioni e generazioni....Ma poi perchè mai un militare dovrebbe fare certi segni e sopratutto in quali occasioni?Sono inseriti all'interno del manuale del soldato provetto?

4 - Doni e offerte. Quando si è ospiti di un afgano, non rifiutare mai cibo,tè, caffè o doni. Ma in caso di doni è buona educazione rifiutare una o due volte prima di accettare.
5 - Il bis a tavola. Se viene offerta una seconda porzione di cibo, tè o caffè, è da maleducati non accettare (ma in Qatar è da ingordi bere più di tre tazze di tè o caffè). Prima di tutto perchè mai un soldato dovrebbe andare a pranzo o cena, o anche solo a prendersi un caffè a casa di un afgano o un iracheno? E poi non prendiamoci in giro, non penso serva scomodarsi per andare fino in Qatar, per trovare gente che ti dia dell'ingordo se bevi tre tazze di caffè negli altrui salotti. E poi dove si è visto uno che si beve più di tre tazzè di caffè a scrocco?Ad Approfittolandia?

6 - Le funzioni. Non partecipare a cerimonie religiose private, per non dare l'idea di parteggiare per il gruppo etnico che le ha organizzate. E vabbè....e qui non voglio essere retorico ma non ce lo vedo proprio un soldato che accoppa un civile e poi va al suo funerale...

7 - Gli alcolici. Ricordare che bere alcolici, anche se è legale in Iraq, è vietato dalla legge coranica. Ma ricordiamoci anche che L'Iraq è una repubblica LAICA. Questa affermazione è tanto stupida quanto dire: Ricordare che in Italia i rapporti occasionali sono legali, ma sono vietati dalla chiesa cattolica. Alla fine chi se ne frega...

Dulcis infundo
8 - Le donne. Non dare la mano a una donna, a meno che non sia lei a porgerla per prima (ma in Afghanistan ogni contatto fisico uomo-donna è vietato). Aggiungerei anche: "non rubare o ti sarà tagliata la mano","non nominare il nome di Maometto o sarai lapidato nella pubblica piazza", ma anche "non farti le seghe o diventerai cieco", "non dire bugie o ti si accorceranno le gambe" e cavolate su cavolate...

Di cavolate penso ne abbiamo dette abbastanza.
Ma quando leggo queste cose riesco a rispondermi ad una delle domande che a volte mi sorgono: Perchè mai in Italia c'è tutta questa paura del mondo Arabo? E soprattutto da cosa è data?
L'unica immagine che riusciamo a diffondere di quel mondo è un immagine vignettistica e stereotipata.

Più programmi di approfondimento e meno ironia, anche perchè facendo dell'ironia su qualcosa che non si conosce si rischia sempre, a mio avviso, di rasentare il razzismo.

Big S

5 commenti:

M.P. ha detto...

Ulteriore (esilarante) dimostrazione della volgarità della cultura occidentale, con la sua pretesa di giudicare il mondo col metro del capitalismo guerrafondaio/pacificatore inventato dai sempre mitici USA.
Dovessi trovare in giro altre "genialate" del genere, ti prego di postarle, non c'è nulla che mi diverta come l'ignoranza dei potenti.
Auguri per il blog.

fede ha detto...

Purtoppo qualunque tipo di sistema attorno al quale ruota il"denaro",necessita di seguire delle leggi di mercato.La traduzione mediale di certi tipi di messaggi(in qsto caso quelli di una CULTURA semplicemente diversa) fornisce le giuste chiavi di lettura per quello che sarà il quadro dimensionale nel quale sarà facilmente accettato.La notizia,pertanto, perde il suo significato informativo e assume altre valenze:neofobia, diffidenza verso il diverso,allarmismo,catastrofismo.Troppo facile allora dare la colpa a coloro che non fanno altro che seguire e fomentare una tendenza; le armi per correre ai ripari da certe"tendenze" ci sono e di stupidi che cercano di imporre il proprio gioco ce ne sono sempre stati.Ecco che allora non è preoccupante colui che serve il cibo avariato,ma coloro che ,avendo la possibilità di scegliere,se ne servono volentieri senza esitazione nè tantomeno indignazione.

Cris ha detto...

ciao carissimo!!!sono qui !!!dimmi!!!!

D ha detto...

Ma la regola numero 9 (non prendere sul serio queste cretinate) no?!

Ciao

Cris ha detto...

ciao!!!se vuoi dirmi qualcosa scrivimi qui!!!ciambellinocris@libero.it
il mio indirizzo!!!ti rispondo nel pomeriggio perchè al mattino lavoro.ciao!!!o alla sera!!!

DEVI ASSOLUTAMENTE VISITARE QUESTO BLOG: